Archivi categoria: Senza categoria

Calcio.Il Valdiano ritrova la vittoria dopo 2 mesi nello scontro con il Solofra con tanti under in campo

Alla vigilia dello scontro salvezza con il Solofra il tecnico del Valdiano, Tudisco, all’esordio al “Vertucci” di Teggiano dove cinque anni prima aveva trionfato portando gli azulgrana alla storica promozione in eccellenza, aveva detto:“Non dove essere una partita ma una vera e propria guerra sportiva”, e i suoi ragazzi hanno finito per prendere alla lettera le parole del loro timoniere e, dopo essere passati in svantaggio nella prima frazione in una delle poche incertezze del reparto difensivo, con una ripresa autorevole nonostante i tanti under schierati in campo (ben 5 rispetto ai tre previsti dal regolamento regionale) e con una panchina composta da tutti nati nel terzo millennio, la squadra è riuscita vincere in modo meritato. Il tutto a dimostrazione che molte volte chi siede in panchina può essere determinante.

E l’impatto per Tudisco, dopo la battuta d’arresto a San Vito Positano, dice che seppur la strada verso la salvezza sia ancora irta di ostacoli è comunque buona e con un tecnico dello spessore come l’ex bandiera della Salernitana si può pensare positivo. La gara con il Solofra è stata emozionante per la voglia di risalire che ha mostrato il rinnovato gruppo che ha decisamente cambiato volto dopo le tante partenze del mercato dicembrino. Tra i senatori in campo da segnalare il ritorno tra i pali di Faggiano che si è fatto notare per un intervento decisivo, come l’esordio di Della Femina bagnato con la rete del pareggio, ma anche Di Giacomo, che ha vinto tutti gli scontri aerei facendo sponde con i compagni del reparto avanzato e lo stesso Doukourè, il quale pure sbagliando molto alla fine ha trovato la rete del 3-1 che ha messo il sigillo al match.

Ma un plauso va a Isoldi, autore della marcatura del sorpasso e a tutti gli under, da Diallo all’esordiente Prato, da Coiro a Gibba, per passare ai subentrati Prisciantelli, Arnone e Cestaro, i quali hanno dimostrato di essere pronti a crescere sotto la guida di un maestro come Ciccio Tudisco. Gli applausi convinti dei tifosi sono la migliore iniezione di fiducia per tutto il gruppo.

Nei prossimi giorni i collaboratori della presidente Barbara Aumenta Sabia, con in testa il direttore sportivo Paolo Vertucci, sono pronti a valutare nuovi innesti per garantire a Tudisco una rosa più ampia in modo da poter giungere all’obiettivo salvezza.

– Gerardo Lobosco –

Annunci

Calcio. Il Valdiano ritrova la vittoria e balza al nono posto

C’era bisogno di una pronta risposta dopo l’immeritata sconfitta di Sorrento e i ragazzi di Criscuolo l’hanno fornita con la forte Palmese di Soviero, giocando anche questa volta per oltre un tempo in dieci uomini (era già accaduto con la Battipagliese).

Questa volta, a farsi mandare anzitempo negli spogliatoi, è stato il bravo difensore centrale Abate, incappato in un doppio giallo che ha costretto i suoi a giocare in salita dopo essere passati in vantaggio con Sorriso.

Nella ripresa un dubbio rigore trasformato da Malafronte ha rimesso in corsa i partenopei, poi nel finale gli sforzi degli azulgrana di patron Carmine Cardinale sono stati premiati da una rete di Delle Donne.

Una marcatura giunta quasi al tramonto della sfida che premia la caparbietà degli uomini di Criscuolo che, nonostante l’inferiorità numerica, hanno cercato di portare a casa i tre punti e ci sono riusciti con il bomber Delle Donne, che ha fatto esplodere la “torcida” Valdianese, che ora può guardare con fiducia a questa fase finale della stagione.

Che dire dell’espulsione e delle troppe ammonizioni? “A dire il vero non ci volevano proprio, ora dobbiamo affrontare tre partite con formazioni che, come noi, cercano di evitare i play out – dicono in coro i dirigenti del Valdiano – Per questo era meglio che non arrivassimo con questo fardello, speriamo di non pagare il dazio. Si inizia domenica sul campo del Castel San Giorgio, per poi beneficiare di due turni interni con Santa Maria e San Vito Positano, il nostro auspicio è di arrivare con l’organico al completo e senza troppe defezioni legate a provvedimenti disciplinari”.

Con questa vittoria il Valdiano (2-1) sale a quota 24 punti e si colloca al nono posto, un piazzamento che forse, anzi, senza forse, neanche i più ottimisti avrebbero ipotizzato dopo le 5 sconfitte inanellate nelle prime cinque giornate.

– Gerardo Lobosco –

Atletica. Ancora un successo per il teggianese Vito Moscarella nella categoria Master

Ancora una brillante affermazione per Vito Moscarella, l’atleta Master di Teggiano che dopo aver conseguito il titolo regionale sui 5000 metri si è ripetuto nel campionato regionale che si è svolto a San Giorgio a Cremano sulla distanza dei 6000 metri con al via circa 70 atleti provenienti da tutte le province campane.

Moscarella è riuscito ad avere la meglio su una agguerrita concorrenza al termine di una gara tirata che lo ha visto protagonista ingaggiando un testa a testa con altri due avversari. L’attacco decisivo negli ultimi 400 metri quando l’atleta della Città Museo ha piazzato l’allungo vincente che ha di fatto lasciato sul posto i due antagonisti ed ha chiuso la gara con un tempo di grande rilievo in 21’ 54” ad una media al chilometro di 3,39.

Sono particolarmente soddisfatto – ha dichiarato Vito Moscarella al termine della vittoriosa competizione – per un me un risultato inaspettato anche per tempo realizzato. Evidentemente i duri allenamenti quotidiani a cui mi sottopongo servono a farmi raggiungere questi significativi risultati al cospetto di avversari sempre molto preparati. Spero di continuare su questa strada anche per il futuro”.

Da segnalare anche il quinto posto ottenuto tra le donne da Loredana La Maida, altra atleta teggianese.

– Gerardo Lobosco –

Calcio. Morena e Iuzzolino puntano sul settore giovanile del Valdiano

Antonio Morena

Dopo l’esperienza come presidente dell’Asd Valdiano, Antonio Morena passa la mano e si tuffa nella cura del settore giovanile del club azulgrana. Sarà, infatti, il dirigente responsabile che si occuperà di questo delicato e fondamentale settore.

Anche se nelle passate stagioni ho seguito più da vicino la prima squadra – dichiara Morena – il mio vero intento è quello di stare al fianco dei giovani e fare di questa realtà un aspetto non solo sportivo ma anche di valenza sociale come momento di aggregazione per i ragazzi del nostro territorio. Nelle passate stagioni questo settore forse non è stato valorizzato nella giusta maniera, da questa stagione abbiamo deciso di imprimere una marcia diversa affidandoci ad Antonio Iuzzolino, che coordinerà il tutto affiancato da Pasquale D’Angelo e Domenico D’Amato. Inoltre sono previsti stage con altre importanti società professionistiche”.

Antonio Iuzzolino

Antonio Iuzzolino vanta una buona esperienza nel mondo dei giovani, avendo ricoperto il ruolo di allenatore in seconda della primavera dell’Avellino per due stagioni e per 5 anni è stato osservatore per l’Ascoli e il tecnico di Atena, dove nel 2002 ha iniziato la sua attività costituendo la scuola calcio, appare determinato ed entusiasta del progetto. “Si tratta di un anno di ripartenza – dice – il nostro intento è quello di portare quanti più giovani calciatori del posto in prima squadra e magari vederne qualcuno decollare verso lidi prestigiosi. Nelle prossime settimane sono previsti raduni con giovani calciatori nati nel 2000 e 2001. Il nostro obiettivo è quello di collaborare con le altre scuole calcio del territorio per fare rete e cercare di crescere insieme”.

– Gerardo Lobosco –


 

Sapri Calcio. Ancora guai giudiziari per ex presidente, dirigenti e consulenti rinviati a giudizio per frode fiscale

Era luglio del 2011 quando sulla società calcistica Sapri 1928 calò il sipario e si chiuse dopo un decennio la straordinaria esperienza sportiva che vide il club per otto stagioni consecutive centrare risultati di prestigio culminati con la conquista della Coppa Italia di categoria e due partecipazioni ai play off per la promozione tra i Pro. Cinque anni nei quali il calcio nella cittadina della Spigolatrice non è ripartito se non da modesti campionati regionali, ma l’esperienza legata al Sapri Calcio 1928 ha finito per lasciare strascichi che stanno avendo rilevanza per dirigenti e consulenti del club a livello giudiziario che si trascinano dal giorno in cui la società ha chiuso i battenti.

L’ultimo in ordine di tempo è stato il rinvio a giudizio disposto dal Gup del Tribunale di Lagonegro, nei confronti di 9 persone (per altre due non si è proceduto per vizio di comunicazione) tra le quali figura l’ex presidente del Sapri calcio 1928 Sergio Fortunato. Tutti gli indagati sono accusati per associazione a delinquere nella vicenda relativa alle false fatturazioni emesse negli anni in cui la squadra ha preso parte al campionato di serie D. L’accusa formulata agli indagati dalla Procura riguarda la presunta costituzione di una associazione dedita alla creazione di ditte individuali e società per l’emissioni di fatture per operazioni inesistenti, in modo da consentire ai destinatari l’evasione delle imposte. Si parla di una cifra che si aggirerebbe intorno agli 8 milioni di euro.

Un altro filone dell’inchiesta che vede sempre coinvolto il Sapri Calcio 1928 è quello secondo cui la società avrebbe usufruito di questo sistema per la trattenuta delle imposte da destinare allo Stato aggirando le norme che prevedono agevolazioni fiscali nel settore sportivo dilettantistico. Nella vicenda sono coinvolti circa 80 imprenditori, di cui alcuni del Vallo di Diano, ma di questo se ne parlerà nella prossima udienza rinviata e già fissata per il 13 maggio.

– Gerardo Lobosco –


 

Calcio. Il Valdiano ritrova la vittoria e brinda all’esordio del duo Manfredini-Cammarota

E’ durato oltre due mesi il digiuno di vittorie del Valdiano. Otto partite nelle quali il club azulgrana del patron Carmine Cardinale e del presidente Antonio Morena era precipitato al penultimo posto e dopo la terza svolta nella guida tecnica che ha portato al timone una coppia di grande prestigio come quella composta da Christian Manfredini e da Bruno Cammarota, ecco i tre punti tanto agognati.

La nuova guida tecnica è coincisa con il ritorno al successo ed anche con l’abbandono della penultima posizione che ha consentito a Giordano e soci di lasciarsi alle spalle Castel San Giorgio (19) e Massalubrense (20) e di agganciare il Sant’Antonio Abate (21). Insomma una vittoria davvero salutare quella ottenuta con il fanalino Sorrento non senza soffrire. La formazione partenopea, a dispetto della sua classifica, ha giocato una partita di grande determinazione e soltanto nel finale, con una rete di Coronato, ha ceduto il passo ai valdianesi che hanno ritrovato così il sorriso e la serenità che sembrava smarrita.

Il successo ci voleva per riportare serenità in un ambiente fortemente teso anche alla luce di quanto accaduto nell’ultima settimana dopo il pesante ko di Palma Campania e il successivo esonero del tecnico Morea e le dimissioni di Americo Sarli, che la società avrebbe voluto continuasse ad avere un ruolo all’interno del club. La decisione giunta non proprio a sorpresa ha portato all’arrivo di Manfredini e di Cammarota al timone del club. Poi come d’incanto la vittoria che riapre i giochi e ridà fiato alle trombe delle speranze.

Un successo che abbiamo atteso da tanto tempo – dice il segretario Carmine Di Gruccio abbiamo fatto un passo in avanti ma la strada che deve condurci alla salvezza è ancora lunga. La svolta nella guida tecnica speriamo possa avere effetti positivi sulla squadra noi ci crediamo. Ora il calendario nelle prossime quattro partite ci riserva tre trasferte e solo con grande determinazione possiamo riuscire a venirne fuori. Manfredini e Cammarota, accettando di mettersi al timone del Valdiano, hanno messo in gioco anche la loro immagine anche perché sono consapevoli che possono riuscire a tirarci fuori dalle sabbie mobili”.

Per il prossimo impegno sul campo della Mariglianese il neo duo tecnico oltre al recupero di Puoli, spera di poter contare anche sul rientro di altre due pedine di spicco, Ietto e Spinelli, ancora alle prese con i postumi di noiosi infortuni.

– Gerardo Lobosco –

Calcio. Il Valdiano stende la Scafatese 1922. Amaro ritorno per Mimmo Citarelli, il “Sanchez di San Rufo”

Dopo lo stop forzato nel turno precedente, il Valdiano targato Morea-Sarli centra una pesante vittoria in chiave salvezza e lo fa con una nobile del calcio come la Scafatese 1922.

Il team canarino presenta in panchina Mimmo Citarelli, un nome che evoca nella mente dei tifosi del Vallo di Diano uno dei momenti più belli vissuti dal calcio del territorio, quando si raggiunse la serie C2.

L’ex bomber dello squadrone che fece sognare un intero comprensorio, denominato il “Sanchez di San Rufo” non solo per la somiglianza con l’attaccante del Real Madrid, ma anche con la facilità con la quale andava a segno, dopo tanti anni è ritornato in questa vallata e, in virtù di quello che aveva fatto, sperava di ricevere un trattamento migliore, ma al “Vertucci” di Teggiano, il Valdiano del patron Carmine Cardinale, che almeno nelle intenzioni vorrebbe ripercorrere i fasti di quella squadra, non ha fatto concessioni al team del trainer Citarelli, il quale è tornato a casa con una sconfitta.

Una bella affermazione maturata grazie ad una rete di Alemanno, giunta nella parte finale della prima frazione e poi difesa con i denti nella ripresa. Un successo pesante che consente agli azulgrana di lasciarsi alle spalle cinque squadre ed abbandonare, almeno per il momento, la zona rossa.

“Sono soddisfatto di come hanno interpretato la gara– dice il presidente Antonio MorenaTre punti molto importanti in chiave salvezza. Ora ci attendono due gare in tre giorni, prima il recupero mercoledì sul campo del San Tommaso e poi domenica secondo turno interno con il Faiano. Speriamo di ripeterci e mettere altro fieno in cascina”.

Intanto il primo dicembre si riapre il mercato e a questa finestra guarda con attenzione il Valdiano.

Stiamo valutando diverse opzioni, in particolare la nostra attenzione è rivolta a due reparti il centrocampo e l’attacco – conferma il tecnico Morea – ma per ora la nostra attenzione è rivolta alla sfida con il San Tommaso, in settimana poi valuteremo gli eventuali ritocchi da apportare”.

– Gerardo Lobosco –