Calcio. Il Sassano fallisce la scalata in Promozione, il Golfo di Policastro centra lo storico traguardo

Tra i tanti tifosi, addetti ai lavori & C., che seguono le vicende calcistiche nel comprensorio dianese, dopo l’epilogo amaro con le retrocessioni che hanno coinvolto Valdiano, Padula e Pollese, quest’ultima neanche iscritta, le speranze per salvare la stagione sportiva erano tutte rivolte sul Sassano. La formazione del tecnico Giovanni Cammarano era stata capace di assicurarsi la finale playoff del campionato di prima categoria e di giocarla sul campo amico avendo due risultati a disposizione, ma le speranze sono miseramente andate deluse.

Il Sassano, nonostante avesse dalla sua il fattore campo e la possibilità di poter accontentarsi del pareggio per staccare il pass per il torneo superiore, ha fatto harakiri, vanificando tutto il lavoro di quest’annata. A trionfare e brindare allo storico traguardo di partecipare al prossimo torneo di Promozione è stato il Golfo di Policastro, società nata appena due stagioni fa dopo aver rilevato il titolo dell’Atletico Caselle. In due stagioni il team guidato in panchina da Antonino Sparacio, nome che ha lasciato il segno nel Sapri 1928, e che gioca le gare interne nel rinnovato impianto di Policastro, ha compiuto una vera e propria impresa: dopo aver chiuso la stagione regolare al terzo posto si è assicurata i playoff e dopo aver superato il Real Bellizzi, ha espugnato il “San Giovanni” di Sassano. E’ stata una gara intensa che la formazione del Golfo ha vinto nel giro di 5’ nel corso della prima frazione grazie a due “cappellate”, la prima con evidente errore dei difensori del tecnico Cammarrano, la seconda favorita da una scelta scellerata da parte di Moscarella di colpire un avversario in area sotto gli occhi dell’arbitro che ha estratto il rosso al difensore ed ha concesso il penalty trasformato da Salamone che aveva messo la sua griffe anche in occasione della prima rete. Per l’esperto attaccante di Caselle in Pittari, con questa doppietta la stagione si chiude con 20 sigilli.

Da segnalare anche la buona prova del capitano Antonio Cava, tra l’altro ex di turno, che ha fatto da metronomo del centrocampo. Il Sassano, da parte sua, una volta sotto di due reti non è stato capace di reagire e nonostante qualche timido tentativo il risultato non è mutato e il Golfo di Policastro ha portato a casa la vittoria (0-2) e soprattutto ha centrato la storica promozione che le darà il diritto di essere ai nastri di partenza nel secondo torneo regionale.

Un risultato che riporta l’intero Golfo di Policastro in una categoria più consona al blasone dell’area rimasta orfana per diversi anni dopo il fallimento del Sapri 1928.

A seguire questa finale playoff erano presenti i due sindaci Tommaso Pellegrino per Sassano e Giovanni Fortunato per Santa Marina. Alla fine a festeggiare insieme ai suoi ragazzi è stato il primo cittadino policastrese. Al Sassano del presidente Domenico Ricciardone non resta che riprovarci la prossima volta.

– Gerardo Lobosco –

Annunci

L’annus horribilis del calcio valdianese. Padula e Valdiano retrocesse, forfait della Pollese

Per il calcio valdianese la stagione ormai ai titoli di coda può essere ricordata come una delle più negative per il movimento calcistico.

Che le premesse non fossero delle migliori lo si era capito alla vigilia di questa stagione 2018/19, allorquando la Pollese dopo un paio di stagioni vissute ai margini della zona bassa della graduatoria, tra l’altro una delle società più nobili nel panorama della vallata, aveva in modo clamoroso rinunciato all’iscrizione del campionato di prima categoria, mentre un altro sodalizio che pure vanta nel suo passato buone tradizioni come il Padula, dopo essere stato sull’orlo della scomparsa sul filo di lana, dapprima rinuncia all’iscrizione nel torneo di prima e poi per volere di un gruppo di amici con in testa la dinamica, presidente Katia Onorato, partecipa a quello di seconda categoria, dove purtroppo si vede costretto a navigare nella parte bassa per arrivare ultima in condominio con un altro team del Vallo di Diano, il Real Bianca, e le due formazioni si giocano la permanenza in questo torneo in uno spareggio al “Medici” di Polla e ad avere la meglio è il Real Bianca che costringe il Certosa di Padula a ripartire dalla terza categoria.

Ma l’annus horribilis del calcio del territorio ha avuto il suo clou con l’amara retrocessione del Valdiano dal più importante torneo regionale: l’eccellenza abbandonata dopo cinque stagioni consecutive. L’amaro epilogo è arrivato dopo la gara pareggiata nei play out con il Faiano. Che dire? Una stagione da archiviare al più presto e magari ripartire da questi risultati negativi per tentare un rilancio del calcio in queste piazze dove è stato sempre un punto di riferimento.

In quest’annata sportiva da dimenticare ci piace segnalare due realtà che sono sfuggite a questa débacle: Sassano, che nel torneo di prima categoria si è assicurata la finale play off del girone e resta in corsa per il salto in promozione, e l’altra piazza che ha mostrato segni di ripresa è Sala Consilina, che dopo anni di oblio, è ripartita dal campionato più basso la Terza categoria ed ha centrato i play off. Un risultato minimo ma da cui poter tentare di ripartire e nel giro di qualche stagione tornare a recitare un ruolo da protagonista in un campionato più consono alle tradizioni del passato.

– Gerardo Lobosco –

Calcio. Al Valdiano pesante squalifica per Prisciantelli e Doukoure. Il presidente: “Proporremo ricorso”

Priscinatelli valdiano .

Per il Valdiano, dopo il danno legato all’amara retrocessione arrivata al termine della gara playout pareggiata sul campo del Faiano, che ha sancito il ritorno degli azulgrana nel campionato di promozione, arriva anche la beffa che si presenta sotto forma di sentenze del giudice sportivo che usa la mano pesante per il finale convulso nel match con i picentini.

A finire nel mirino due calciatori azulgrana: il centrocampista Giovanni Prisciantelli e Amara Doukoure.

Il 19enne Prisciantelli è stato squalificato per un anno. Nella motivazione pubblicata sul comunicato ufficiale si legge: “Con comportamento sleale, scorretto, antisportivo e violento, terminata la gara Prisciantelli affrontava il Direttore di Gara con fare minaccioso, testa contro testa, e più volte lo spintonava. Reiterava il suo comportamento scorretto urlando al DDG parole gravemente offensive e lesive dell’onore e professionalità dello stesso”.

Amara Doukoure ha rimediato una sanzione più lieve ma altrettanto pesante: gli sono stati comminati quattro mesi di squalifica. A completare la situazione anche le tre giornate rimediate da Gianmarco Pasculli, figlio del trainer Pedro Pablo Pasculli, che ha guidato la squadra nell’ultima fase della stagione che purtroppo è culminata con la retrocessione.

Sui provvedimenti disciplinari a parlare è il presidente del club valdianese Barbara Sabia Aumenta: “Una sentenza spropositata che finisce per penalizzare oltremodo due nostri calciatori, in particolare l’under Giovanni Prisciantelli. Fermarlo per un anno significa interrompere la sua carriera. Probabilmente c’è stata una reazione del ragazzo ma ribadisco che il provvedimento è esagerato. Ho deciso di proporre ricorso per cercare di rendere meno pesante il provvedimento. Anche i quattro mesi comminati a Doukoure sono eccessivi ma certamente più indolori perché da scontare in un periodo senza attività agonistica o quasi. In attesa del giudizio di secondo grado della giustizia sportiva resto fiduciosa”.

Che dire? Una stagione da archiviare al più presto e ripartire con nuove prospettive e, conoscendo la determinazione della dinamica presidente Barbara Aumenta Sabia, siamo certi che si aprirà un nuovo e importante ciclo del Valdiano.

– Gerardo Lobosco –

Calcio. Il Valdiano lascia l’Eccellenza. Non basta il pareggio col Faiano per conservare la categoria

Un vero peccato il Valdiano che dopo cinque stagioni consecutive lascia il più importante campionato regionale, l’Eccellenza, e lo fa al termine di un Campionato tribolato che ha avuto il suo epilogo amaro nella gara playout sul campo del Faiano. E la sfida in terra picentina forse rappresenta al meglio quest’annata da archiviare al più presto per ripartire puntando ad una immediata risalita.

Dopo aver inseguito la permanenza in questo prestigioso torneo per tutta l’annata, i ragazzi della presidente Barbara Aumenta Sabia, avevano proprio nell’ultima giornata acciuffato la possibilità di giocarsi tutto in uno scontro diretto e la squadra in queste tre settimane ha lavorato in modo intenso, agli ordini del terzo tecnico della stagione, l’argentino Pasculli, per arrivare pronta all’appuntamento. A giudicare da quello che si è visto nell’impianto di Pontecagnano, i ragazzi in casacca azulgrana avrebbero meritato di conservare l’Eccellenza, ma partire con l’handicap di avere a disposizione un solo risultato alla fine si è rivelato decisivo sul verdetto finale, considerato che la gara si è conclusa senza vincitori, ma il pareggio ha finito per favorire il Faiano che, in virtù di un miglior piazzamento in classifica (un punto in più nella regular season) ha inciso in modo rilevante condannando di fatto il Valdiano ad ingoiare la pillola amara della retrocessione.

E’ stato un match intenso come era lecito attendersi vista la posta in palio così alta. Il Faiano parte meglio e dopo soli 12 minuti, complice una ingenuità difensiva dei valdianesi, trova il primo vantaggio: Maisto piazza il guizzo giusto per sbloccare la contesa, poi alla mezz’ora per il Valdiano cala la notte fonda: Pellegrino sigla il 2-0 che sembra chiudere i conti. Il carattere e la voglia di non mollare dà la carica giusta al team valdianese che nella ripresa scende in campo deciso a non mollare e dapprima il capitano Della Femina con un fendente dalla distanza riapre i giochi e, quando la gara appare giunta al tramonto, ecco una spettacolare conclusione di Muci, che regala il pareggio e prova a cambiare il corso della storia di questo spareggio salvezza e infatti la marcatura consente al Valdiano di avere a disposizione altri 30 minuti di speranza, ma purtroppo per gli azulgrana non c’è l’impresa. E al 120’ arriva il definitivo triplice fischio che decreta il 2-2 finale, un risultato che fa esultare il Faiano e manda il Valdiano all’inferno.

Nonostante l’esito negativo per i valdianesi la numero 1 del club Barbara Aumenta Sabia ringrazia la squadra per l’abnegazione messa in questa sfida:“Ci tengo a dire che pur amareggiata per l’epilogo di questa stagione, voglio ringraziare tutti i ragazzi soprattutto quelli cresciuti nel nostro territorio, i quali in questa gara hanno dato il massimo e per i quali la scorsa estate ho deciso di intraprendere questa avventura per me del tutto nuova nel mondo del calcio. L’amarezza è tanta ma da questo risultato non proprio favorevole bisogna ripartire. Con gli altri collaboratori abbiamo pensato anche di tentare la carta del ripescaggio pur consapevoli che si tratta di una strada molto difficile, ma in ogni caso sono pronta a ripartire dal campionato di Promozione con un progetto rinnovato ma sempre teso a valorizzare i calciatori del nostro Vallo di Diano”. Siamo certi che la dinamica presidente del Valdiano Barbara Aumenta dopo qualche giorno di pausa si metterà al lavoro per riportare il club subito nel principale torneo regionale.

– Gerardo Lobosco –

Calcio. Il Valdiano si prepara alla sfida con il Faiano. Barbara Aumenta Sabia:”Il club avrà un futuro”

.E’ partito il countdown in vista del play out in programma domenica 28 aprile quando il Valdiano si gioca tutta una stagione in una gara verità che ne segnerà inevitabilmente il destino sportivo.

E mentre la squadra agli ordini del tecnico argentino Pasculli prosegue le sue sedute di allenamento, a dare una spinta ai ragazzi che vestono la casacca azulgrana ci pensa la presidente Barbara Aumenta Sabia, che fin dal suo ingresso nel sodalizio non si è mai abbattuta o rassegnata anche nei momenti più delicati e critici della stagioni. Anzi, da manager navigata nel mondo dei prodotti petroliferi, ha dato la giusta carica e creato il clima di ottimismo con cui il team si appresta ad affrontare la sfida spareggio a Pontecagnano con il Faiano.

E la fiducia in vista di questo confronto traspare tutta dalle dichiarazioni che ha rilasciato ad Ondanews. “Per me è stata la prima esperienza in questo settore, un mondo completamente nuovo nel quale ho portato il mio entusiasmo perché fin dall’inizio ho creduto nel progetto teso alla valorizzazione dei giovani calciatori del posto che hanno avuto modo di esprimersi a più riprese- afferma – Dopo aver inseguito l’obiettivo minimo dei play out, siamo tutti concentrati a dare il meglio in questa gara che per noi rappresenta il momento della verità. Sono consapevole che non sarà facile ma sono fiduciosa che si possa riuscire ad ottenere la salvezza. In questi giorni ho visto nei volti dei ragazzi, che ringrazio per come si stanno allenando, la consapevolezza di avere i mezzi per riuscire a condurre in porto il risultato che noi tutti auspichiamo”.

Con la presidente degli azulgrana teggianesi il discorso è scivolato sul futuro e a giudicare da quanto dichiarato sono giunte notizie confortanti per i tifosi e per quanti seguono da oltre un decennio le vicende di questo sodalizio.

Vorrei rassicurare tutti, e facendo gli scongiuri anche in caso di risultato non favorevole, il Valdiano avrà un futuro e sono previste tante novità anche nell’organigramma con la presenza di figure in grado di portare avanti un discorso che guardi anche con particolare attenzione al settore giovanile per troppi anni in passato colpevolmente trascurato – conclude la presidente- Intendo invertire la rotta. Poi in questa fase della stagione ho avuto diversi contatti con il mondo dell’imprenditoria ed ho trovato la disponibilità di alcune aziende pronte a sposare il progetto Valdiano, per cui rassicuro tutti e lancio un messaggio chiaro e netto ai tanti denigratori che avevano già intonato il ‘de profundis’:  stiano sereni e pensino ad altro. Il Valdiano c’è e ci sarà”.

– Gerardo Lobosco – 

Calcio. Intervista all’allenatore del Valdiano Pedro Pablo Pasculli:”Ho fiducia nei miei ragazzi”

pasculli valdiano

Grande soddisfazione per l’allenatore del Valdiano Pedro Pablo Pasculli dopo che la sua squadra ha centrato l’obiettivo play out.

Il tecnico si è detto fiducioso nella gara verità in programma il prossimo 28 aprile a Pontecagnano sul campo del Faiano. Per gli azulgrana il solo risultato a disposizione sarà quello della vittoria. Intanto prosegue la preparazione atletica tra Sant’Arsenio e Teggiano.

Giovedì 18 aprile ci sarà invece il test con il Buccino che giocherà i play off di promozione.

Per il tecnico argentino il team sarà tutto a disposizione dopo il rientro dello squalificato Della Femina.

Ai microfoni di Ondanews i dettagli raccontati da Pedro Pablo Pasculli.

– Gerardo Lobosco –

=”

Calcio. Il Valdiano vince a Solofra 2-1 e va ai play out. Soddisfatta dei ragazzi la presidente Aumenta

.

Il Valdiano all’ultimo respiro acciuffa la vittoria e andrà a giocarsi la permanenza nel massimo torneo di eccellenza ai play out tra tre settimane sul campo del Faiano.

I ragazzi della presidente Barbara Aumenta Sabia sono stati ad un passo dall’inferno quando il Solofra con Parisi al 23’ della prima frazione sono passati in vantaggio. E con questo punteggio si è chiusa la prima frazione a favore dei conciari. Un risultato che avrebbe spianato le porte alla retrocessione diretta per il Valdiano, ma nella ripresa è cambiato tutto.

Gli azulgrana sono scesi in campo determinati a non lasciare la categoria senza combattere e con grande coraggio hanno preso in mano le redini del gioco e, poco prima della mezzora, Pasculli junior ha realizzato una bella rete che ha riequilibrato il match e dopo sei minuti un tocco di mano in area di un difensore irpino ha indotto il direttore di gara a concedere il penalty che l’esperto Masullo ha trasformato con freddezza operando il sorpasso per il team del tecnico Pasculli senior, che dalla panchina ha incoraggiato i suoi. E sul 2-1 si arrivati al triplice fischio.

Una vittoria meritata che è stata accolta con grande emozione dalla brillante presidentessa, che in questa tormentata stagione è stata sempre al fianco della squadra e non ha fatto mancare il suo sostegno e che, dopo la bella vittoria, fa un plauso ai suoi ragazzi: “E’ stato bello vedere la reazione dopo la rete del Solofra e per questo voglio ringraziare tutti i protagonisti che hanno accolto il mio invito a dare il massimo per arrivare al successo. Ora mi godo questa vittoria che ci dà la possibilità di avere un’altra chance per conservare la categoria. Da domani cominceremo a pensare alla sfida del 28 aprile sul campo del Faiano dove auspico un’altra prova di grande spessore e sono convinta che la squadra mi regalerà un’altra gioia“.

In queste tre settimane il team continuerà a lavorare e potrà contare anche sul recupero del forte centrocampista Attilio Della Femina, al rientro dal turno di squalifica.

Intanto, per la cronaca, retrocede in promozione proprio il Solofra, mentre la griglia play out prevede queste sfide: Scafatese – San Vito Positano e Faiano – Valdiano. Le squadre di casa potranno contare su due risultati: la vittoria e il pareggio. Con il San Tommaso promosso in serie D, vanno ai play off: Agropoli – Costa d’Amalfi e Audax Cervinara – Pol. Santa Maria.

– Gerardo Lobosco –